• Trekking

Giroparchi Nature Trail

Sui sentieri del Gran Paradiso, occasioni per tutti. La Val d’Aosta invita alla vacanza attiva. E il ‘turismo natura’, fra agriturismi e aree protette, sfida la crisi andando in controtendenza...

Redazione

Giroparchi Nature Trail
LA FORZA ATTRATTIVA DELLA NATURA

In Val d’Aosta la natura si accompagna a pennello con la vacanza attiva: il 13% del territorio è occupato da parchi e riserve naturali che fanno della regione uno dei paradisi dell’escursionismo.

Il viaggio di scoperta si abbina al trekking, al nordic walking e alla bicicletta, spaziando dalle discese avventurose del rafting fino alle più contemplative attività sensoriali.

I punti di forza sono i due parchi (Gran Paradiso e Mont Avic) a cui si aggiungono nove riserve naturali, quattro giardini botanici e 19 siti della rete ‘Natura 2000’, che vantano ecosistemi unici.

L’invito è a misura di famiglia. Per i ragazzi, da tempo, si organizza il “Giroparchi Nature Trail”, il trekking naturalistico per chi ha tra gli 11 e i 14 anni. Per l’estate dietro l’angolo, l’iniziativa raddoppia con due tornate vacanziere a luglio: dal 6 al 10 e dal 13 al 17.

Questa volta il percorso di "Giroparchi Nature Trail" si snoderà tra il Vallone dell'Urtier (Cogne) e il Vallone di Dondena (Champorcher). Durante la settimana naturalistica è anche prevista la pratica della lingua inglese, con un insegnante madrelingua che affianca l’accompagnatore.

Il Parco del Gran Paradiso è sempre gettonatissimo dagli appassionati delle vacanze “green” e i numeri lo dimostrano.

Secondo l’ultimo rapporto Ecotur, con un milione e mezzo di visitatori all’anno, è il secondo parco più richiesto nel turismo natura, preceduto dal Parco d'Abruzzo e seguito da quello delle Dolomiti Bellunesi. In particolare, i cicloturisti hanno superato gli escursionisti e il parco ha seguito il trend, investendo nel bike-sharing (che la scorsa estate ha raddoppiato il numero di utenti) e dotando di portabici alcune navette per il colle del Nivolet.

 

Il rapporto sul “turismo natura” testimonia l’ottima salute del settore che, anche in tempi di crisi economica, incassa i 102 milioni di presenze negli esercizi ricettivi e oltre 11,9 miliardi di fatturato nel 2014.

Un’analisi della Coldiretti registra infatti l’aumento del 21% del fatturato, sulla base dei rapporti Ecotur dal 2007 ad oggi. Con la previsione - aggiunge l'organizzazione agricola - di un’ulteriore crescita per il 2015, l'anno dell'Expo.    

La crescita è spinta da una maggiore sensibilità ambientale che sta portando alla riscoperta di un turismo sostenibile e “a chilometro zero”, con mete da raggiungere in giornata senza dover spendere troppo.   

I vacanzieri naturalisti possono contare in Italia su 871 parchi e aree naturali. Tra le attività più in voga nelle aree naturali ci sono il biking (29% delle preferenze), seguito da trekking (25%), escursionismo (24%), sci (12%) e ‘animal watching’ (8%).

Per quanto riguarda l'ospitalità, come sottolinea la Coldiretti, sono amatissimi gli agriturismi, non solo perché “green” e custodi delle tradizioni enogastronomiche ma anche perché attrezzati con servizi mirati per sportivi e ambientalisti.

 

INFO:

www.vivavda.it
www.grand-paradis.it
www.giroparchi.it

LA FORZA ATTRATTIVA DELLA NATURA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Una possibilità per un turismo sostenibile
Recensioni Giroparchi Nature Trail

- 17/04/2015 15:16

Buona iniziativa

VACANZATTIVA PORTAL