• Walking

Le vie toscane del tartufo

Da Expo alla Toscana: alla scoperta del "re" dei prodotti della terra, nei borghi medievali di San Miniato e San Giovanni d’Asso. E poi la festa autunnale di Asciano, tra trekking e golosità

Pamela Pucci

Le vie toscane del tartufo
OUTDOOR E SAPORI TRA LE COLLINE PISANE E SENESI

Il conto alla rovescia di Expo è un fuoco d’artificio. Corse pazze ai biglietti e file bibliche per non mancare la grande occasione di Milano, in chiusura il 31 ottobre. E il menù si riempie di attrazioni, anche al di fuori degli spazi dell’Esposizione.

Fra i protagonisti di questo finale ci sono i tartufi bianchi delle Colline Sanminiatesi e delle Crete Senesi. Con la regia della Toscana e dell’Associazione Nazionale ''Città del Tartufo'', la giornata del 27 ottobre celebrerà la varietà più pregiata del prezioso prodotto della terra e lo farà a pochi passi dal Duomo nel cuore di Milano (in Via Daverio n.7).

Due le degustazioni in programma, una guidata e l’altra libera, per conoscere meglio i due borghi toscani più famosi e da tempo impegnati nella valorizzazione del tartufo bianco: San Miniato e San Giovanni d'Asso. Uno a nord (tra le Colline Sanminiatesi, nel pisano) e l’altro a sud (tra le Crete Senesi) vantano le sagre più antiche, con una tradizione portata avanti da 45 anni nel primo caso e da 30 nel secondo.

 

Sarà un’anteprima ghiotta per prendere per la gola i vacanzieri e lanciare l’invito a ritagliarsi un weekend autunnale “mordi e scopri”, lungo le vie dei sapori della Toscana.

Da sabato 7 novembre a domenica 6 dicembre, i vacanzieri-gourmet hanno infatti a disposizione cinque fine settimana per passeggiate nel gusto tra gli stand delle mostre-mercato del tartufo di San Giovanni d'Asso (secondo e terzo week di novembre) e San Miniato (dal terzo di novembre al primo weekend di dicembre).

Attenzione alla due giorni del 14-15 novembre, quando le due sagre coincideranno per un doppio tour in queste piccoli capitali dei sapori che oltre al tartufo sfoderano il meglio delle tradizioni enogastronomiche: vino, olio, formaggi, salumi e miele.

OUTDOOR E SAPORI TRA LE COLLINE PISANE E SENESI
SAN MINIATO, SAN GIOVANNI D'ASSO, ASCIANO... E LA FRANCIGENA

Per avere un’idea più precisa, San Miniato è, nei giorni della festa, uno dei più grandi laboratori del gusto ''open air'' d’Italia, incorniciato dalla bellezza delle piazze e facile da raggiungere, grazie a un servizio di navette che permettono ai tantissimi visitatori (più di centomila nell’ultima edizione) di arrivare nella cittadina.

A San Giovanni d’Asso, nel cuore delle Crete Senesi, si arriva fra biancane e calanchi, tra i panorami di una delle più belle campagne toscane. Oppure, tornando indietro nel tempo, si può scegliere di salire sul ''Treno natura'' che, spinto da una locomotiva a vapore d'epoca, segue una ferrovia dimenticata fino alle pendici del Monte Amiata.

Qui la vacanza segue ritmi slow, immersa nella festa e nella vita quotidiana di un borgo medievale che conserva un’anima contadina e tanti percorsi di trekking o di cicloturismo che s’allungano tra fattorie, cantine e frantoi.

Oltre che dalla produzione di tartufi, i due borghi toscani solo legati anche dalla Via Francigena. Il tracciato della strada percorsa nei secoli dai pellegrini di tutta Europa passava dal centro storico della cittadina pisana e, scendendo a sud di Siena, trovava nella Grancia di Montisi (frazione del comune delle Crete Senesi) un importante punto di accoglienza e di ristoro.

 

Sempre nel cuore dorato delle Crete, c’è un altro appuntamento ghiotto da non perdere: la Festa d’Autunno al debutto ad Asciano il 25 ottobre. Nel “Paese del Garbo” (titolo meritato per la gentilezza dei suoi abitanti) è in programma una giornata ricca di gusto e divertimento per scoprire e conoscere da vicino i segreti del tartufo, il re dei prodotti della tavola.

A partire dal mattino il suo profumo invaderà le viuzze del centro per la gioia dei vacanzieri buongustai che potranno arrivare da Siena a bordo di littorine d’epoca.

La scoperta dei segreti legati al tubero si sposta poi in campo con la simulazione della ricerca, andando nel verde della campagna. Per chi invece volesse scoprire i tesori artistici, storici oltre che naturalistici di Asciano è previsto un trekking urbano organizzato dall’Ufficio Turistico e accompagnato da musica e bancarelle di prodotti tipici.

 

INFO:
www.sanminiatopromozione.it
www.comune.sangiovannidasso.siena.it
www.ferrovieturistiche.it

SAN MINIATO, SAN GIOVANNI D'ASSO, ASCIANO... E LA FRANCIGENA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Le vie toscane del tartufo. Scrivi tu il primo commento su Le vie toscane del tartufo

VACANZATTIVA PORTAL