• Walking

"MuoviBo": uscite e camminate!

Passeggiare regala benessere e richiede solo un paio di scarpe comode e un po’ di buona volontà. Se questa manca, ci pensa l'App che segnala i percorsi, a cittadini e turisti di Bologna.

Marcello Maccaferri

"MuoviBo": uscite e camminate!
SOTTO LE 'DUE TORRI', CON UN PERSONAL TRAINER DIGITALE

Niente più alibi! Camminare fa bene, come dicono da tempo esperti e studi medici. Fa bene alla mente, all’umore e al fisico. Un movimento necessario con tanti benefici a… costo zero.

Bologna, città attenta alle attività a piedi e a pedali, conosce il valore di una passeggiata non solo per migliorare la memoria e prevenire infarto, obesità, diabete e artrosi ma anche per educare alla bellezza dell’arte e all’osservazione della natura. A ritmi naturali e in libertà, senza corse o soste obbligate.

Una filosofia e un programma che nel capoluogo emiliano oggi sono diventati un’app chiamata "MuoviBo", un navigatore da scaricare sul proprio smartphone che invoglia i cittadini all'esercizio fisico e i turisti alla scoperta dei tesori di Bologna.

Lanciata dal Comune, dalla Regione e dalla Uisp, l’applicazione trasforma dunque cellulare o tablet in una guida “allenante”, che segue una velocità di passo preimpostata (scandisce il ritmo alla maniera di un “metronomo”) e trasforma il centro storico in una palestra all’aperto.

Sono mappati 12 chilometri (suddivisi in tratte brevi), quasi tutti sotto i portici (dunque al coperto, per una pista “indoor” buona anche quando piove), costellati di attrazioni storiche e artistiche (con scheda visiva e audio in italiano e inglese).

Sono i primi di una sessantina di percorsi urbani che toccano anche la periferia e i luoghi fuori porta, in arrivo entro l’anno.

Un’idea semplice quanto rivoluzionaria: il telefonino diventa non solo una guida turistica ma anche una sorta di personal trainer, calibrando il ritmo della camminata a seconda dell’età e dello stato di forma.

Si può scegliere così la camminata veloce (tra i 4,5 e 6,5 km/h), la corsa lenta (tra i 7e i 10 km/h) o il trekking urbano (a velocità libera). Alla modalità scelta corrisponde poi un valore (Pam - passi al minuto) che con un segnale acustico scandisce il ritmo del passo da mantenere per seguire la velocità scelta.

Tra le prove per verificare la propria condizione e migliorarsi nel tempo, c’è il “test di passo in resa salute“, che chiede all’atleta di cantare tre volte di fila la canzone “Volare” mentre si cammina e poi, alla fine, aggiungere un’altra passeggiata a ritmo più serrato.

Declinato in modo divertente e intuitivo, secondo l’assessore bolognese alla Sanità e allo Sport, Luca Rizzo Nervo, “MuoviBo” è uno strumento prezioso perché “una società in buona forma fisica è una società che ha più cose da dare, e per esserlo, spesso, basta anche solo mezz'ora di camminata veloce o corsa lenta. Questi percorsi sono inoltre nuovi mondi di socialità, in cui i cittadini riconquistano il centro cittadino e i turisti lo scoprono in modo nuovo".

MuoviBo si inserisce nel progetto “Bologna città attiva", per contrastare i rischi della sedentarietà e dell’inattività.

Fabio Casadio, presidente Uisp del comitato provinciale di Bologna, spiega che “con la tecnologia diamo a tutti la possibilità di fare attività motoria alla propria portata e di scoprire la città”. Così si applicano le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sulla quantità di attività fisica raccomandata, quei 150 minuti di attività fisica moderata a settimana necessari per ottenere benefici di salute.

Ma qual è la “dose” consigliata di attività fisica? L’Oms a suggerisce moduli di 10 minuti l’uno. Pillole di movimento alla portata anche dei meno allenati, che consentono di avere una resa e un “ritorno” in salute. Per questo la app contiene anche un “blister” - proprio come per le medicine tradizionali - per tenere il conto di quante dosi di esercizio si consumano al giorno. Ogni blister contiene quei 150 minuti che, ripetiamo, sono per l’Oms il traguardo settimanale per una moderata attività motoria.

Immediato e versatile, MuoviBo potrebbe però non raggiungere i “meno tecnologici”. No problem: ci sono depliant e guide che vengono distribuiti porta a porta o in punti strategici, come le farmacie. Così si può sfogliare la mappa e mettersi in cammino.

Come conclude Casadio: “E’ una proposta per l’attività motoria a km zero (basta uscire di casa e muoversi), impatto zero (non richiede infrastrutture) e costo zero (non si paga alcun abbonamento per il servizio)”.

Alibi? Zero anche quello…

 

INFO:

www.uispbologna.it
movimento@uispbologna.it
facebook.com/muovibo

SOTTO LE 'DUE TORRI', CON UN PERSONAL TRAINER DIGITALE
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su "MuoviBo": uscite e camminate! . Scrivi tu il primo commento su "MuoviBo": uscite e camminate!

VACANZATTIVA PORTAL