• Sci alpino

Sulla neve delle Alpi, a impatto zero

Viaggio tra le Alpine Pearls: 27 località montane che offrono un modello alternativo di vacanza. In Italia sono tredici, da non perdere per chi ama sci e ciaspole

Francesco Monti

Sulla neve delle Alpi, a impatto zero
ALPINE PEARLS, NATURA E SOSTENIBILITA'

Sport, montagna, ambiente: sulle Alpi c’è chi, da poco meno di un decennio, cerca di creare un modello di vacanza “ecocompatibile”. Le Alpine Pearls sono 27 località alpine di sei Paesi, che a partire da gennaio 2006 si sono associate nell’ambito dei progetti europei “Alps Mobility”. La sfida era mettere a punto proposte turistiche innovative all’insegna della sostenibilità e della tutela del clima.

Prima regola: viaggiare senza auto. Tutte le Perle offrono servizi shuttle, taxi a chiamata e skibus gratuiti, oltre a veicoli elettrici, E-bike, segway e velo-taxi. Risolto il problema degli spostamenti, non resta che scegliere tra le tante opportunità per una vacanza all’insegna dello sport e della natura.

Vediamo qualche esempio, cominciando da ovest: Ceresole Reale, sul versante piemontese del Parco nazionale Gran Paradiso, è non solo un paradiso naturalistico, ma anche una palestra naturale per chi ama l’arrampicata e lo scialpinismo. Per i più “estremi”, da provare l’ascesa sulle cascate di ghiaccio: sette gelide cattedrali (compresa la palestra artificiale X-Ice Park) illuminate fino alle 23. Per turisti più “tranquilli”, ma comunque desiderosi di avventura, da non perdere le escursioni notturne alle scoperte dei segreti più intimi della montagna, ma anche dell’enogastronomia locale.

Dal Piemonte alla Lombardia: la Perla di Valdidentro offre l’intera gamma delle attività invernali (sci alpino e di fondo, passeggiate con gli husky, ciaspole), con in più la possibilità di concludere la giornata rilassando i muscoli indolenziti alle terme di Bormio. In tema di mobilità sostenibile, lo skipass per il comprensorio Quattro Valli vale come ticket per tutti i mezzi pubblici dell’Alta Valtellina.

Tra le Perle trentine c’è Tires, ai piedi del Catinaccio, dove è possibile percorrere boschi e campi innevati sulle ciaspole. La località offre pacchetti che comprendono soggiorno, escursioni e la Mobilcard Alpe di Siusi Live.

A Moso in Passiria, in Alto Adige, la mobilità non è solo “dolce”, ma anche suggestiva: da provare il trenino invernale Dorfexpress, per raggiungere rapidamente le piste da sci e non solo. Dal rifugio Grünbodenhütte, ad esempio, ci si può lanciare con lo slittino in una discesa di 3,5 chilometri. Tra un’emozione e l’altra vale la pena di concedersi una parentesi culturale: il Bunker Museum è un viaggio alla scoperta della natura e della storia dell’Alta val Passiria, all’interno di un bunker degli anni Quaranta.

 

Ecco l’elenco completo delle Alpine Pearls:

ITALIA: Ceresole Reale, Chamois - La Magdeleine, Cogne, Forni di sopra, Limone Piemonte, Malles, Moena, Moso in Passiria, Pragelato, Racines, Tires, Valdidentro, Funes.

GERMANIA: Bad Reichenhall, Berchtesgaden.

FRANCIA: Les Gets, Termignon.

AUSTRIA: Hinterstoder, Mallnitz, Neukirchen, Weissensee, Werfenweng.

SLOVENIA: Bled.

SVIZZERA: Arosa, Interlaken, Les Diablerets, Disentis/Mustér.

 

INFO:  www.alpine-pearls.com

ALPINE PEARLS, NATURA E SOSTENIBILITA'
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Sulla neve delle Alpi, a impatto zero. Scrivi tu il primo commento su Sulla neve delle Alpi, a impatto zero

VACANZATTIVA PORTAL