• Bici strada

E il mercato delle bici ha fatto boom

I dati Ancma hanno registrato nel 2014 un aumento della vendita di biciclette nel nostro Paese. Le city bike le due ruote più richieste. L’Italia si conferma principale produttore in Europa

Redazione

E il mercato delle bici ha fatto boom
UN ITALIA CHE PEDALA FORTE

La crisi, bontà sua, almeno qualche effetto positivo sembra averlo, magari abbinato a una maggiore sensibilità ambientale e salutista.

Sono infatti 1.644.592 le biciclette vendute in Italia nel 2014, vale a dire +6,6% rispetto al 2013 (1.542.758 unità).

A favorire, paradossalmente, l'uso delle due ruote a pedali anche un altro grande problema mondiale: l'effetto serra. Fa meno freddo, quindi si pedala di più. La tendenza non è solo italica, si conferma anche nei principali Paesi del Vecchio Continente.

 

Sono dati forniti da Confindustria Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori) e dal Politecnico di Milano, secondo cui è in leggero aumento la produzione, con 2.728.600 biciclette (pari a +2,1%), trainata sempre dall'export che si è attestato sui 1.765.819 pezzi (+1,1%). L’Italia si conferma il principale produttore del Vecchio Continente.

Il dato evidenzia anche come i dazi antidumping (la lotta ai prezzi artificiosamente bassi) del 2011 stiano sortendo gli effetti sperati e stiano premiando gli investimenti industriali locali rispetto ai prodotti asiatici.

 

Siconferma emergente il mercato delle eBike, le biciclette a pedalata assistita - nonostante una lieve flessione (51.156 pezzi contro i 51.405 del 2013) - che nei Paesi europei complessivamente hanno superato il milione di unità vendute.

In aumento di circa il 40% la produzione interna, come riposta all'esigenza di tenere maggiormente sotto controllo la qualità dei prodotti. Nonostante il prezzo medio di questi mezzi sia infatti in aumento, anche il mercato estero chiede una bici di maggiore qualità.

Nel complesso la bilancia commerciale di bici e sue parti per il 2014 è stata in attivo di 142 milioni di euro. Protagonista come sempre il comparto delle selle, così come la componentistica legata ai telai, cambi, ruote e manubri per bici da corsa.

 

Le biciclette più vendute sono le trekking o city bike (32%), seguite dalle mountain bike (31%), le bici da bambino (18%), i prodotti da corsa (6%), le classiche (9%), le elettriche (4%).

In aumento le vendite di bici pieghevoli, seppure siano ancora numeri di nicchia (circa 45.000 pezzi anno). Infatti molte aziende stanno rinforzando la propria gamma anche con modelli a pedalata assistita pieghevoli. Resiste il segmento del lusso che conferma i numeri dello scorso anno.

 

L'analisi geografica pone il Nord-Est al primo posto per le vendite, nonostante una popolazione inferiore in termini numerici rispetto ad altre zone. In particolare, svettano Veneto ed Emilia Romagna, che ospitano strutture e infrastrutture dedicate alla bicicletta in grado di sostenerne l'acquisto e l'uso.

Laddove esiste integrazione tra mezzi pubblici veloci e corsie preferenziali per le bici, piste ciclabili, zone 30, Ztl, parcheggi, trasporto sui mezzi pubblici, la bicicletta risulta il veicolo più pratico, rapido e conveniente: il 50% degli spostamenti all'interno dei centri urbani è inferiore ai 5 Km e in questi casi la bici risulta essere il mezzo più idoneo e veloce.

UN ITALIA CHE PEDALA FORTE
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su E il mercato delle bici ha fatto boom. Scrivi tu il primo commento su E il mercato delle bici ha fatto boom

VACANZATTIVA PORTAL