• Bici strada

L’Eroica, un tuffo nel ciclismo di una volta

La celebre manifestazione chiantigiana si svolgerà domenica 5 ottobre. Chiuse le iscrizioni ma i quattro percorsi sono aperti tutto l’anno, per pedalare lungo strade bianche in un panorama unico al mondo

Fabrizio Lodi

L’Eroica, un tuffo nel ciclismo di una volta

Torna il 5 ottobre una delle manifestazioni più avvincenti del panorama italiano e internazionale del cicloturismo, L’Eroica, in programma a Gaiole in Chianti (Siena).

Per chi ancora non lo sapesse L'Eroica è una manifestazione cicloturistica che si svolge dal 1997, partorita dall’eclettico organizzatore Giancarlo Brocci, e ha la particolarità di rievocare il ciclismo di un tempo, con percorsi che si svolgono in buona parte su strade bianche con biciclette d'epoca.

La manifestazione è aperta a tutti, ma vengono insigniti del diploma di Eroici solo quei ciclisti che vi partecipano in sella ad una bici d'epoca, i cui criteri sono fissati da alcune peculiarità delle bici da corsa usate fino agli anni ottanta.

I percorsi proposti sono quattro, di 38, 75, 135 e 205 chilometri e si snodano nella zona del Chianti, verso Siena e la Valdorcia, fino a Montalcino, con numerosi “mangiaebevi” e talvolta con erte ripide e difficili da affrontare con le bici da corsa di un tempo.

La partenza è “alla francese”, cioè libera, entro una certa fascia oraria a partire dall’alba. I controlli dei passaggi avvengono per punzonatura e non viene stilata una classifica finale, ma si dà in ordine alfabetico l'ora di partenza e di arrivo di ogni concorrente.

Sul percorso sono presenti numerosi ristori davvero di altri tempi, che offrono prodotti tipici locali come salumi, vino, formaggi. Banditi gli integratori...

Lo spettacolo vero è costituito dagli stessi partecipanti, che fanno a gara fra loro non per arrivare primi ma per chi riesce a calarsi meglio, con abiti e mezzi, nello spirito del ciclismo di una volta...

Per quest’anno le iscrizioni sono ormai chiuse ma chi volesse diventare Eroico non si deve rammaricare: i tracciati sono diventati da tempo permanenti e aperti quindi tutto l’anno, per una vacanza attiva di puro turismo in bici, lungo un territorio ricco di spunti sia enogastronomici, che culturali e paesaggistici.

Vale comunque la pena parteciparvi almeno una volta nella vita e le occasioni non mancano anche all’estero, visto che L’Eroica è diventato un vero e proprio “brand” conosciuto in tutto il mondo, una specie di "franchising” del cicloturismo d’epoca, esportato dagli Stati Uniti fino al Giappone.

 

INFO

www.eroica.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su L’Eroica, un tuffo nel ciclismo di una volta. Scrivi tu il primo commento su L’Eroica, un tuffo nel ciclismo di una volta

VACANZATTIVA PORTAL