• Bici strada

Pausa caffè? In bici è il massimo...

Ecco quali sono i "bike bar" che coccolano chi sceglie la bici come stile di vita green. All’estero sono aperti da tempo, da noi uniscono l’amore per le due ruote all’arte del mangiare bene...

Pamela Pucci

Pausa caffè? In bici è il massimo...
SEDUTI AD UN TAVOLO, ALL'OMBRA DI UN TELAIO...

Siamo il paese del caffè e del ciclismo. Cosa c’è di meglio, allora, del mettere insieme le due passioni nazionali?

Vi piace l’idea del coffee break o dell’happy hour da prendere in sella? Allora cercate i bike bar (o bike café), che al profumo di miscele e tartine aggiungono ciclo-arredi, spazi attrezzati e la buona compagnia di altri pedalatori.

Ormai, in città, crescono i locali “biciclettari”, piacevolissimi luoghi di ritrovo per chi si muove sui pedali e vuole incontrare persone con la stessa attenzione per l’ambiente e uno stile di vita “green”.

All’estero sono arrivati per primi e tra i bike café più originali c’è il Velokafi di Zurigo, sorta di “drive-in” per ciclisti, aperto sulla terrazza del Rathaus Café. E’ attrezzato con speciali postazioni per le bici, in modo da non scendere di sella mentre si sorseggia una tazza di caffè o un cocktail colorato. Diciamolo: da ciclo-maniaci piuttosto frenetici.

C’è chi si è spinto ancora più in là. E’ il caso del Velopresso, invenzione che anche per le strade offre l’amata tazzina, grazie all’istallazione di una macchina per il caffè su una bicicletta. Insomma, una sorta di distributore di caffè mobile, dove chi pedala macina i chicchi di caffè. Il prototipo è stato presentato nel 2012 all'Innovation Design Engineering Show di Londra e siccome prevedeva un sistema a gas per portare ad ebollizione l'acqua del caffè si sta studiando il modo di rendere il tutto davvero green.

A caccia di fondi anche gli inventori di un altro prototipo di caffetteria mobile eco-friendly, in questo caso a energia solare. Si chiama Wheelys e si presenta con uno slogan: “Cambiare il mondo una pedalata alla volta”.

 

SEDUTI AD UN TAVOLO, ALL'OMBRA DI UN TELAIO...
IN ITALIA CI SAPPIAMO FARE

Nella versione tradizionale, a casa nostra, possiamo contare su una decina di ritrovi biciclettari.

Al Bike Café Shop di Collecchio (in via Saragat 13A), provincia di Parma, oltre all’espresso, offrono i servizi di un'officina meccanica, uno spazio per le riunioni di gruppi sportivi e la possibilità di acquisto di accessori o pezzi di ricambio.

Bici alle pareti e atmosfere allegre caratterizzano il BikeCafe di Pinerolo, in Corso Torino 180, punto di incontro dove chiacchierare con gli amici, bere un caffè e leggere riviste specializzate.

A Torino, che prima di diventare la capitale delle auto era la città delle bici, con telaisti e botteghe tra le migliori d’Italia, fa il pienone anche il Pai Bikery in via Cagliari 18D. Lo slogan con cui si presentano dice tutto: “Le torte di Arianna, le biciclette di Daniel e un posto dove passare del bel tempo”.

Tra gli indirizzi di Milano, in via Ampere 59, occhio a Upcycle, non solo bar ma anche ristorante di ispirazione nordeuropea. Aperto nel quartiere che prima contava botteghe artigiane e marchi come Faema, Cinelli, Tubi Innocenti, questo locale è un simbolo del nuovo modo di pensare la città. La filosofia della bicicletta (il nome richiama il termine upcycling, cioè il riciclo creativo) è declinata in lunghi banconi su cui si mangia tutti insieme, proprio perché chi pedala è sempre pronto a condividere un pezzo di strada e di esperienza con gli altri.  Cultura “slow” espressa con la rivendita di accessori, il cucinare anche da sé, l’arte del riciclo, la presentazione di libri e i racconti dei viaggiatori.

Sempre a Milano, cambio di destinazione per un vecchio negozio di ciclo che oggi è diventato Le Biciclette Art bar & bistrot (via Torti). Qui sono messi in bella mostra i segni dell’antica vocazione: le bici diventano oggetto di design (ce ne sono diverse appese al soffitto) e richiamano chi, oltre alle due ruote, ama la musica, l'arte contemporanea e il buon cibo.

IN ITALIA CI SAPPIAMO FARE
AMORE PER LA BICI E CONVIVIALITA'

Mai interrotto invece il legame con la storia per il Bianchi Café & Cycles, in via Felice Cavallotti 8, a un tiro da piazza Duomo. Aperto alla fine del 2014, è il primo locale italiano della storica casa ciclistica milanese che ha già debuttato, con i bike café, in Svezia e Giappone.

Facile indovinare i colori: il locale è tutto colorato di bianco e azzurro. Qui si va dalla colazione all’aperitivo serale, tra modelli storici e le ultime novità dell’azienda. Tanti i servizi a disposizione degli appassionati, dall’officina al bike-fitting per trovare la corretta posizione in sella. Dopo l'Italia, i prossimi traguardi saranno Londra e New York

 

Tra gli ultimi arrivati c’è anche il Bike Bar Alessandria in via Bellini 40, ad Alessandria, a due passi dall’università. E’ uno spazio industriale arredato con cimeli e due ruote, aperto la sera per una birra e un panino, tutto a misura di bici: il menù è una lista di piatti chiamati con i nomi delle vette mitiche di Giro e Tour, ci sono poster, video e libri.

 

Chiudiamo la rassegna con un locale romano che si trova a un colpo di pedale da Via Veneto e omaggia il nostro cinema. Si chiama Ladri di biciclette, si trova in Via Boncompagni 83/85 e, come spiega l’insegna, è “un’Osteria & Bike Boutique”. Non solo trattoria ma anche cocktail bar, gemellato con lo storico negozio di bici Romeo.

Così, tra un bicchiere di vinello e un piatto di cacio e pepe, si butta un occhio ai telai griffati, sognando imprese e avventure a due ruote. Con un impegno da parte dei cicloristoratori: “Vogliamo regalarvi un momento di originalità. Promesso: non vi ruberemo niente, se non un sorriso”.

 

INFO:

www.bikecafeshop.it

www.bikecafe.org

www.paibikery.com

www.2ruotebikecafegiussano.it

www.upcyclecafe.it

www.lebiciclette.eu/

www.bianchicafecycles.it

www.bikebaralessandria.com

www.ladridibiciclette.net

AMORE PER LA BICI E CONVIVIALITA'
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Pausa caffè? In bici è il massimo.... Scrivi tu il primo commento su Pausa caffè? In bici è il massimo...

VACANZATTIVA PORTAL