• Cicloturismo

In mountain bike sugli Appennini

Da Firenze a Roma, pedalando tra i paesaggi più belli e caratteristici del centro Italia: 600 chilometri in 11 giorni, immersi in parchi e panorami indimenticabili.

In mountain bike sugli Appennini
UN'INIZIATIVA PER EMERGENCY

Sono decine e decine le strade che da Firenze portano a Roma. Ma c’è un percorso che è rimasto quasi immutato nei secoli: la dorsale appenninica. Scrigno di antichi borghi, boschi verdissimi e sapori tradizionali.

Quest’anno Stefano Dalfiume, maestro FCI di mountain bike e istruttore presso l’A.S.D. Appennino Bike di Imola, ha ideato un tour di 11 giorni attraverso la Toscana, l’Emilia-Romagna, l’Umbria e il Lazio. Tutto da percorrere in sella alla mountain bike. Un progetto che prenderà il via domenica 28 giugno e terminerà l’8 luglio, nato dalla collaborazione con il Fai - Bosco di San Francesco di Assisi (PG) e con il supporto dell’azienda Limar (leader nella produzione di caschetti) e di Ok Mugello come media partner.

Una pedalata nobile, se pensiamo che per partecipare alle tappe (tutte, oppure a piacimento) si richiede una donazione ad Emergency Ong Onlus, per sostenere il progetto “Programma Italia”, volto a garantire il diritto alla salute per tutti i cittadini.

Si parte dalla valle del Mugello, regione storica della Toscana, oggi popolata da cascinati in pietra, passando per il parco delle Foreste Casentinesi nell’Appennino Tosco-Romagnolo, antica terra etrusca che oggi custodisce oltre 1300 specie di piante differenti. Gli amanti della mountain bike potranno divertirsi sul Passo della Calla, il più alto valico dell’Appennino Tosco-Romagnolo (1296 metri) per poi raggiungere l’Eremo di Camaldoli, piccolo centro in provincia di Arezzo, fondato nel XI secolo.

Le tappe umbre seguiranno gli antichi paesi medievali più conosciuti come Gubbio, Assisi, Spoleto, fino a raggiungere centri meno noti come Scheggino e Arrone. Il tratto da Spoleto a Norcia prevede un suggestivo passaggio attraverso la galleria della vecchia ferrovia, quindi ricordate di portare le luci.

A Rieti si pedalerà all’ombra della splendida cinta muraria medievale proseguendo per Nerola, attraverso pascoli, campi e uliveti a perdita d’occhio. Arrivati alle porte della Città Eterna ci si dirigerà verso Piazza San Pietro, punto di arrivo del tour.

Il gruppo procederà compatto tappa per tappa, con andatura turistica, consona ad un itinerario di quasi 600 km. Ogni tappa sarà di circa 53 km con circa 1200 m di dislivello positivo.

Grazie alla formula ‘Open’ ci si può iscrivere anche ad una sola tappa. Per conoscere invece tutte le tappe e i dati specifici, basta collegarsi alla pagina facebook di “Biciappennino”.

Tutte le strade portano a Roma, è vero, ma questo percorso è davvero unico.

 

Per informazioni:

Stefano Dalfiume - maestro mountain bike FCI
cell. +39 338 8774977

www.facebook.com/biciappennino?ref=hl

UN'INIZIATIVA PER EMERGENCY
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su In mountain bike sugli Appennini. Scrivi tu il primo commento su In mountain bike sugli Appennini

VACANZATTIVA PORTAL