• Eventi

“Ottimo esordio, ora i mercati esteri”

Intervista a Paolo Coin, project manager del CosmoBike Show di Verona: “Abbiamo messo in piedi un evento di livello in tempi record, ora abbiamo ampi margini di crescita”

Fabrizio Lodi

“Ottimo esordio, ora i mercati esteri”
UNA FIERA DI SUCCESSO

VERONA - “Abbiamo avuto oltre 50mila visitatori. Oltre 500 aziende provenienti da Italia, Olanda, Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Australia e Cina, per un totale di 40mila metri quadrati espositivi, cui si aggiungono i 20mila metri quadrati delle piste esterne per show e bike test. Più di 200 i giornalisti accreditati, venuti anche da Belgio, Svizzera, Olanda, Stati Uniti e Taiwan”.

E’ visibilmente soddisfatto Paolo Coin, il project manager di quella che possiamo definire davvero una sua creatura: la prima edizione di CosmoBike Show, il salone internazionale dedicato alle due ruote a pedali, organizzato a Veronafiere dall’11 al 14 settembre.

Dopo le vicissitudini (con strascichi giudiziari ancora pendenti) seguite alla sua fuoriuscita dall’ExpoBici di Padova, è infatti riuscito a mettere in piedi in tempi record una manifestazione che ha ottenuto un ottimo risultato, e che secondo lo stesso Coin ha ampi margini di crescita.

La Fiera di Verona è una struttura importante, in grado di ospitare manifestazioni di livello internazionale con numeri ben più grandi. Creare in così poco tempo il CosmoBike è stata davvero una scommessa, ma siamo solo all’inizio: nell’arco di pochi anni puntiamo a diventare la fiera del settore ciclistico con più ingressi d’Europa”.

UNA FIERA DI SUCCESSO
IL MONDO DELLE DUE RUOTE A PEDALI A 360°

D’altronde quello del ciclismo in Italia è un comparto industriale in crescita, con 3.066 aziende nel 2014 (+1,5% sul 2013) che hanno prodotto 2,7 milioni di biciclette (+2,1%), di cui 1,6 esportate all’estero (+1,1%). Un settore in cui il Belpaese è un leader mondiale.

CosmoBike - sottolinea Coin - deve mostrare la bici in tutti i suoi aspetti, a 360°: esibizioni, bike test, stand con mezzi ultramoderni accanto a pezzi d’epoca, organizzatori di granfondo, tour operator, convegni e dibattiti… Ma secondo me dovremo poi puntare forte sul settore del cicloturismo/turismo in bici. E’ quest’ultima la vera forza del movimento, con potenzialità ancora poco esplorate”.

E poi lancia il guanto di sfida a Friedrichschafen…

La nostra ambizione non è quella di diventare una spesa in più per le aziende ma una spesa alternativa… - incalza il manager - Dobbiamo cercare di attirare nuovi consumatori, non solo pensando all’alta gamma, alle bici da 5.000 euro. Ma invogliando chi 5.000 euro per una bici non li spenderebbe mai. Dobbiamo portare un nuovo pubblico a innamorarsi della bici, un mezzo da riscoprire magari pedalando in vacanza con la famiglia”.

Il turismo, un tema fondamentale: “Proprio così, siamo orfani di una grande fiera dedicata al turismo, fatto paradossale in un Paese come l’Italia. Ecco, una fiera ciclistica non può farsi carico di questo ma sicuramente indicare agli enti locali una strada importante per questo settore nevralgico. E devo dire che, in genere, le regioni sono spesso ben disposte a sentir parlare di cicloturismo”.

Insomma: tante luci, grandi prospettive. Ma qualche ombra c’è stata: una notevole rigidità dell’organizzazione, problemi per avere pass online, bike test con orari limitati, sala stampa abbandonata a se stessa, e in fondo solo 4 padiglioni…

Certo, per carità - conclude Coin - siamo consapevoli di alcuni limiti organizzativi ma al contempo fiduciosi nelle grandi potenzialità di questo evento. Vogliamo inoltre credere che oltre alla crescita dei numeri, CosmoBike possa riuscire a trasmettere il messaggio di un modo diverso, più “slow”, di riappropriarsi del territorio. L’affermazione del binomio ‘bici-benessere’ ci preme molto”.

IL MONDO DELLE DUE RUOTE A PEDALI A 360°
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su “Ottimo esordio, ora i mercati esteri”. Scrivi tu il primo commento su “Ottimo esordio, ora i mercati esteri”

VACANZATTIVA PORTAL